Menu Chiudi

6 cose da fare quando vi trasferite che sarete grati di aver fatto alla scadenza del contratto

Trasferirsi è stressante, è innegabile. Proprio per questo motivo, quando finalmente tutte le vostre cose sono nella nuova casa, l’ultima cosa che vorreste fare è iniziare a pensare al giorno in cui tirerete di nuovo fuori gli scatoloni e andrete via. La verità però è che, quando siamo giovani e cambiamo casa e coinquilini una volta all’anno, trasferirsi è praticamente inevitabile. È bene quindi assicurarsi che voi e i vostri coinquilini facciate alcune cose quando vi trasferite che renderanno più facile tutto quando lascerete la casa alla fine del contratto.

Potrebbe sembrarvi troppo, ma siamo seri, vi renderete la vita molto più semplice se prendete adesso del tempo per organizzarvi.

Traslocare può essere un incubo che alcuni esperti di benessere mentale collocano in cima alla lista delle “cose che dovrebbero farti preoccupare”, agli stessi livelli di stress di un lutto o una rottura con il fidanzato. Se ci pensate ha senso perché state cambiando completamente l’ambiente che vi circonda! Anche se state rinnovando il vostro appartamento, è comunque molto difficile risistemarsi, specialmente dopo essere finalmente riusciti a trovare un posto dove traslocare dopo tante ricerche.

Ecco come rendervi la vita un po’ più semplice il giorno del trasloco.

1 Pulite da cima a fondo.

Già, questo sarà il posto in cui vivrete adesso e si sporcherà prima ancora che ve ne rendiate conto. Iniziare con una bella pulita da cima a fondo della casa però significa che si sporcherà solo un po’! Pulite gli angoli che saranno coperti dai mobili e scrostate il frigo. In questo modo non dovrete lavorare troppo quando lasciate la casa e non vi dovrete preoccupare per la caparra.

2 Controllate che non ci siano problemi.

Forse l’avete già fatto prima di firmare il contratto, ma controllate di nuovo tutta la casa per vedere cosa funziona e cosa no. Controllate eventuali danni da condensa sui soffitti o maniglie che si muovono. Poi comunicate tutto al proprietario di casa, così quando tornerà a controllare tutto alla fine del contratto, saprete cosa è un problema vostro e cosa no.

I consigli non finiscono qui! Leggete la seconda parte dell’articolo per saperne di più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *